Cos’è il cloud mining

conviene investire?

Se la propria intenzione è di guadagnare con il mining di criptomonete, bisognerebbe prendere in considerazione la possibilità di investire sul cloud mining. Si tratta dell’ultima frontiera del mining di altcoin, che apre le porte dell’investimento anche a coloro che dispongono di un budget ridotto.

Prima di parlare nello specifico del cloud mining, è bene fare un passo indietro e descrivere brevemente cos’è il mining. Non si possono infatti comprendere appieno i vantaggi e gli svantaggi del mining in cloud senza delle solide basi.

Cos’è il mining di criptomonete?

Abbiamo già scritto una guida su come minare bitcoin, riprendiamo qui in maniera sintetica gli aspetti fondamentali da tenere a mente.

Per ottenere delle monete digitali è necessario creare dei blocchi di monete. Per giungere alla creazione di questi blocchi bisogna risolvere problemi matematici, la cui complessità è destinata ad aumentare man mano che il numero complessivo di criptovalute circolanti aumenta.

Per la risoluzione dei problemi bisogna disporre di potenza di calcolo. Il problema è che, essendo gli algoritmi matematici sempre più complessi, la potenza di calcolo richiesta è sempre maggiore. Se fino a qualche anno era possibile minare anche con il proprio pc di casa, oggi bisogna disporre di hardware idoneo a risolvere problemi tanto complessi.

Perché scegliere il cloud mining?

La difficoltà di acquistare hardware con elevata potenza di calcolo, che richiedono un budget elevato, ha fatto nascere il fenomeno del cloud mining. Per capire di cosa si tratta non bisogna ricominciare dal principio, perché la procedura di mining è la stessa di quello del mining classico.

Ciò che differenzia questo tipo di mining da quello tradizionale è che l’utente non deve disporre a casa propria dell’hardware, ma può scegliere di affittare l’hardware. Ci sono delle aziende specializzate che offrono questo servizio: mettono a disposizione diversi piani di noleggio, che il cliente può liberamente scegliere in base alle proprie preferenze, a quanto vuole spendere e a quanto vorrebbe guadagnare.

In questo modo si potrà mettere in gioco una potenza di calcolo elevata senza dover acquistare hardware. Lo scopo è essere competitivi, al fine di riuscire a scoprire dei blocchi di monete per guadagnare con le altcoin che sono state minate.

Il cloud mining conviene?

Cloud mining

La domanda che si pongono in molti è perché le aziende noleggiano i server invece di utilizzarli loro stesse per minare e guadagnare. La risposta è da ricercare nel rischio di investimento. Utilizzare la potenza di calcolo per scoprire blocchi di monete non porta sempre all’effettiva creazione di altcoin: può capitare che un gruppo di miners con una potenza di calcolo maggiore scopra il blocco prima, obbligando quindi a dover ricominciare da zero per scoprire il blocco successivo.

Le aziende specializzate nel cloud mining scelgono invece di non puntare sull’investimento a rischio maggiore del mining, ma di ridurre il loro guadagno offrendo agli utenti la possibilità di scoprire i blocchi di monete.

Il vantaggio per le società del settore è di assicurarsi un guadagno fisso, indipendentemente dalla creazione o meno di nuove monete virtuali. Il vantaggio per i clienti è di avere la possibilità di guadagnare molto con il mining, con un investimento iniziale ridotto.

Va sottolineato comunque che il mining è un investimento a rischio. Prima di mettere in gioco il proprio capitale è bene valutare spese e possibili guadagni, per capire se l’investimento che si sta per fare possa essere vantaggioso o meno.

Consigliamo anche di approfondire le conoscenze personali circa il mondo delle criptovalute e con maggior attenzione sulle monete virtuali che si desidera minare. La conoscenza del mercato può aiutare a ridurre il rischio di investimento in modo efficace, sebbene non sia possibile annullarlo del tutto.